I gemellaggi di Arco al tempo del coronavirus

RedazioneRedazione31/03/20202min844
HALL IN TIROL 6

Causa l’emergenza sanitaria in corso non si è tenuta domenica a Hall in Tirol (città che lo scorso 13 ottobre ha firmato un patto di amicizia con Arco) la cerimonia di consegna da parte della compagnia Schützen di Arco delle «pole» di olivo, tradizione di origine seicentesca riscoperta due decenni or sono.
«Sfortunatamente non abbiamo potuto ricevere nella nostra cittadina di Hall i nostri amici di Arco -ha scritto la sindaca Eva Maria Posch- perché siamo in stato di emergenza. La situazione a Hall è abbastanza buona, viste le circostanze, e vorremmo inviare i nostri più calorosi saluti ai nostri amici di Arco e augurare a tutti salute e tanta forza per superare le prossime settimane. Sarei felice di poter accogliere i nostri amici di Arco a Hall in autunno, in modo da poter stringere di nuovo le mani di persona e trascorrere alcune belle ore insieme».
«Ci dispiace tantissimo che questo virus, invisibile nemico, ci abbia costretto a rimanere fisicamente lontani -ha risposto per l’Amministrazione comunale l’assessore alla cultura Stefano Miori- e abbia sospeso, per questa Pasqua, la tradizione delle “pole” di olivo. Queste ultime settimane sono state impegnative per l’espansione del virus, come in tutta Italia e in Europa. Sappiamo che la situazione è dolorosa anche per voi, e ci sentiamo vicini e solidali nella difficoltà. L’amicizia e la voglia di incontrarci aiuterà ad affrontare anche le prossime settimane. Accettiamo con gioia l’invito a venire a Hall in autunno, per riprendere appena possibile a incontrarci».
In questi giorni il presidente dell’associazione Arco Obiettivo Europa Lino Rosà ha scritto alle altre città gemelle -le tedesche Bogen e Schotten e la calabrese Roccella Jonica- e amiche -la belga Beloeil, la francese Crosne e la ceca Rýmařov- tutte alle prese con l’emergenza sanitaria da coronavirus, ma con una situazione molto meno grave di quella italiana, con pochi casi di infezione ma con una generale mobilitazione, in vista di un possibile peggioramento.

La Busa

GRATIS
VIEW