Centralina idroelettrica sul torrente Magnone a Tenno

Claudio Chiarani09/10/20212min674
acque_centrale_idroelettrica_Magnone tenno


Della realizzazione di una centralina idroelettrica sul torrente Magnone, nel comune di Tenno, se ne parlava da almeno 15 anni. Dopo la decisione della Giunta provinciale del dicembre scorso ora la pratica relativa è stata inserita nella graduatoria dei finanziamenti previsti dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE) che fa capo direttamente al MISE, il Ministero dello Sviluppo Economico. Ne ha dato notizia con evidente soddisfazione il primo cittadino Giuliano Marocchi, per il quale essere arrivati a questo punto della pratica non è stato certamente semplice. La domanda, obsoleta, andava rivista e riformulata ma dopo un percorso abbastanza impegnativo è finalmente approdata nel Bando 6 e inserita nel decreto “FER 1” volto all’incentivazione della produzione di energia da fonti rinnovabili. La nuova centralina, dunque, se tutto andrà come si spera sarà realizzata nel comune di tenno, sul torrente Magnone in località Pranzo. Un intervento che ha lo scopo di accrescere la produzione di energia rinnovabile per il territorio e le positive ricadute sulla comunità. Il progetto tiene logicamente conto anche dell’impatto ambientale che l’opera avrà, decisamente molto mitigato dalle soluzioni progettuali ora adottate. Sarà riqualificata e rifatta l’opera di presa esistente che asserviva alla locale pescicoltura, la relativa condotta forzata lunga poco più di un chilometro, l’edificio centrale che insiste sul versante destro orografico del torrente, a meno di duecento metri dal ponte sul Magnone. Sarà una struttura completamente interrata, visibile solamente per una parete dove ci sarà l’ingresso, un portone rivestito con grigliato in legno. Rielaborato tutto l’iter, dunque, il Comune oggi può dire che se si farà grazie al finanziamento del Gestore dei Servizi Energetici sarà una grande opportunità per l’intero territorio, con entrate che andranno nelle casse comunali a finanziare altri progetti. Nonostante i fondi contingentati dal Ministero, l’essere stati inseriti è comunque un’ottima partenza dopo tutte le autorizzazioni che Tenno ha ottenuto in termini ambientali, urbanistici, geologici del territorio.

La Busa

GRATIS
VISUALIZZA