Valle dei Laghi: Cavedine e Madruzzo associati per la Cultura

RedazioneRedazione20/02/20213min275
VALLE DEI LAGHI corteo storico OK


I Comuni di Cavedine e Madruzzo hanno riapprovato nei rispettivi consigli comunali la convenzione per la gestione coordinata per la “Gestione coordinata del servizio intercomunale delle attività culturali” in valle dei Laghi, sottoscritta dai 3 comuni e dalla Comunità di valle nel marzo 2017 ed in scadenza il 31 dicembre 2020. Si tratta, appunto, della riproposizione dell’accordo 2017 che stavolta presenta di fatto una sostanziale novità: l’istituzione, oltre alla già esistente (dal 1998) Commissione culturale intercomunale, della Conferenza degli assessori alla cultura, come “organo politico, cui spettano le decisioni in materia culturale nell’ambito della gestione associata”. Si tratta, in realtà, di una specie sovrapposizione istituzionale nel senso che anche nella Commissione (pur retrocessa a semplice organo consultivo) vi fanno parte sempre gli stessi Assessori alla Cultura, oltre alle 2 bibliotecarie e al rappresentante del Teatro “Valle dei Laghi”. La compartecipazione finanziaria è rimasta la stessa, pari ad € 12.500,00 a carico dei 3 comuni da ripartirsi in base alla popolazione di ciascuno ed altrettanti a carico della Comunità di valle.
È ormai da più di un ventennio che opera la Commissione Culturale Intercomunale di valle, che fino al 2015 era rappresentata dalle 6 amministrazioni comunali per valorizzare attraverso le numerose associazioni sia storiche (bande, cori, filodrammatiche e altro) che più recenti (ricerca storica, musicali, ecc) la promozione culturale. Una progettualità che, promossa(1998) dall’allora assessore alla cultura del C5 Cristina Bertotti con il Comune capofila Calavino, aveva incontrato la piena collaborazione delle amministrazioni comunali e sulla cui spinta (grazie anche alla realizzazione della sala della musica a Calavino) si erano sviluppate via, via diverse iniziative culturali, espressione della nuova sensibilità d’impegno giovanile (come “Forza Band” ad esempio) e che avevano iniziato un fondamentale processo dal basso di una condivisa aggregazione di forze, finalizzata alla realizzazione di progetti di notevole contenuto qualitativo, sfociati anche nella pubblicazione con l’adesione di diverse associazioni di ricerche di grande respiro: ”Di lago in lago”(2005) e “Il libro delle Acque”(2008). Si potrebbe dire una collaborazione antesignana del progetto politico della nascente Comunità della Valle dei Laghi; tant’è che nel biennio 2009/2010 venne promosso dal Comune di Calavino il passaggio di un convinto trasferimento della competenze culturale dai Comuni alla Comunità (il primo esempio in assoluto a livello provinciale).
Mariano Bosetti

La Busa

GRATIS
VISUALIZZA