Ascensore del Bastione, presentate tre “manifestazioni d’interesse”

Claudio ChiaraniClaudio Chiarani30/04/20212min637
20200612_DSC0384 RIVA NUOVO ASCENSORE BASTIONE

All’avviso esplorativo del 14 aprile della Lido di Riva del Garda Immobiliare S.p.a. per la gestione dell’impianto di ascensore che collega la città con l’antico Bastione veneziano hanno risposto tre soggetti. Lo conferma la presidente della Lido, avvocato Cecilia Venturini. “Sì, posso dire che entro i termini stabiliti (giovedì 29 aprile, ndr) sono state presentate tre manifestazioni d’interesse come da nostro bando, ma per poter dire di chi siano dobbiamo attendere ancora qualche giorno”.
Per valutare quanto scritto dai tre interessati alla gestione sarà necessario nominare un’apposita Commissione che indicherà la procedura di presentazione delle offerte vere e proprie, quella tecnica e quella economica che vanno ad integrarsi. Ovvero l’offerta economica più vantaggiosa sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo per un massimo di 100 punti complessivi di cui 70 relativi all’offerta tecnica e 30 a quella economica, secondo ovviamente le modalità descritte nella lettera dell’invito. “Potrebbe anche essere – aggiunge la presidente Venturini – che l’amministrazione comunale, vista la prossima stagione estiva ormai alle porte, sempre Covid permettendo logicamente, decida di dare una proroga di contratto al precedente gestore, ossia Altogarda Parcheggi e Mobilità ai fini dell’apertura anticipata dell’impianto. Cosa perfettamente legale, tengo a sottolineare, ma se tra le tre manifestazioni pervenute, tempi di verifica e assegnazione permettendo che stimo in 15/20 giorni da oggi si arriverà a designare il nuovo gestore, ben venga quest’ultimo”. Il canone annuo richiesto dalla Lido è pari a 190.000 euro (1.520.00 euro per l’intera durata della concessione, che prevede la rivalutazione pari al 100% annuo), le offerte vanno ovviamente al rialzo e la durata della concessione va, orientativamente, da metà giugno 2021 fino alla metà, sempre del mese di giugno ma dell’anno 2029.

La Busa

GRATIS
VISUALIZZA