La Seatex di Torbole realizza visiere di protezione “antivirus”

Claudio ChiaraniClaudio Chiarani09/04/20202min1539
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 31
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 26
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 032
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 14
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 022
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 24
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 28
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 18
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 20
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 25
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 015
SEATEX GAVIOLI CORONAVIRUS 016

L’idea è venuta al titolare della Seatex di Torbole Luca Gavioli, azienda che normalmente ripara vele per windsurf, kitesurf e barche. Sollecitato in famiglia durante una normale discussione a tema, inutile dirlo, Coronavirus, gli si è accesa la classica lampadina. “Perché non utilizzare il mono-film per fare visiere antivirus – ci dice Luca – e così ho iniziato a mettere giù qualche bozza pratica che ho dato in prova ad un amico che lavora in un supermercato della zona. Data qualche aggiustatina qua e là ho iniziato a produrne altre su richiesta, ma ora devo superare l’iter burocratico per ottenere l’omologazione come Dispositivo di protezione individuale”.
Intanto ha già fornito alcuni campioni alla Croce Rossa e ad alcune ditte che ritengono molto pratico quel sistema di protezione. Il materiale usato è il mono-film che solitamente si usa per le vele, molto leggero come grammatura e spessore, cui viene applicato il supporto per poter essere indossata al capo. Luca Gavioli ne ha già realizzate diverse e le ha date in prova, ma ora come detto per poter avviare una piccola produzione da distribuire alle Case di Riposo, alle Rsa o all’ospedale deve attendere l’ok del Ministero. Il classico timbro, insomma.
Gavioli, che è nativo di Carpi nel modenese ma per amore del Garda e della sua passione, il windsurf logicamente, vive da anni in Busa dove è molto conosciuto. “Ho spedito i miei sistemi di protezione anche in zona a Bergamo ad alcuni amici – aggiunge – e sono piaciute molto. Spero di poter avviare la costruzione al più presto perché, come si sa, le visiere come le mascherine sono utilissime a contrastare la contaminazione tra individui infetti e quelli sani. Come, purtroppo, è avvenuto quando non si capiva bene ancora il pericolo cui sono, invece, sottoposti quotidianamente gli operatori della sanità”.

Claudio Chiarani

Claudio Chiarani


La Busa

GRATIS
VIEW