Arrestato ad Arco un marocchino: doveva scontare 3 anni e 6 mesi di reclusione

RedazioneRedazione15/09/20202min971
20200418IMG_9641 CORONAVIRUS POLIZIA FERMI RIVA

Non si ferma l’azione di controllo del territorio della Polizia di Stato voluta dal Questore Cracovia contro il crimine diffuso.
Nella serata di lunedì 14 settembre la Volante del Commissariato di P.S. di Riva del Garda ha arrestato un marocchino di 25 anni di età, residente a Mori, già colpito da ordine di esecuzione per la carcerazione. L’uomo, già condannato per reati contro il patrimonio, era, infatti, ricercato dall’anno scorso perché doveva scontare la pena di quasi tre anni e sei mesi di reclusione.


Gli Agenti del Commissariato sono giunti all’arresto dopo una minuziosa attività di controllo del territorio attraverso una capillare identificazione di quei soggetti già colpiti da provvedimenti giudiziari da eseguire.
Lo straniero, infatti, è stato fermato ed identificato ad Arco mentre attendeva l’autobus alla fermata. Al termine dell’identificazione è emerso che nei confronti di M. A. era pendente un provvedimento di arresto a seguito dell’unificazione di alcune condanne. Terminate le attività di rito l’uomo è stato tradotto presso il carcere di Trento dove sconterà la pena inflitta.
Il controllo del territorio rappresenta uno dei punti su cui maggiormente la Polizia di Stato sta svolgendo la propria attività.

La Busa

GRATIS
VIEW