Scuola «Fedrigoni» a Varone di Riva, al via i lavori per la nuova mensa

RedazioneRedazione07/07/20202min944
20200703_DSC3635 RIVA LAVORI ELEMENTARI FEDRIGONI VARONE
20200703_DSC3628 RIVA LAVORI ELEMENTARI FEDRIGONI VARONE
scuola-varone-04
scuola-varone-03

Sono iniziati in questi giorni i lavori di ridefinizione degli spazi al piano terra e di realizzazione del nuovo locale cucina e mensa della scuola «Gianfranco Fedrigoni» a Varone di Riva del Garda.
L’intervento segue di poco la realizzazione della nuova palestra, ultimata da qualche tempo e si inserisce in un più ampio programma di riorganizzazione e adeguamento degli spazi, in linea con le mutate esigenze della scuola elementare di Varone. Il cantiere è stato consegnato all’impresa, la Armando Bolognani e figli di Dro, lunedì 29 giugno, giorno in cui si è tenuto il consueto sopralluogo dell’Amministrazione comunale, presenti il sindaco Adalberto Mosaner, l’assessore ai lavori pubblici Alessio Zanoni e il p.ind. Marco Bertolini dell’Area opere pubbliche, coordinatore del gruppo di progettazione. L’intervento permetterà di ricavare tre nuove aule (dove ora si trova la mensa) delle dimensioni utili di 37,58, 38,62 e 51,50 metri quadrati, con nuovi servizi per gli alunni, una nuova mensa con relativi servizi utilizzabili anche da utenti con disabilità, e una zona riservata alla cucina con dispensa, servizi e spogliatoi, sfruttando anche lo spazio della vecchia palestra (più propriamente un’aula ginnica, insufficiente per le esigenze della scuola, anche per la ridotta altezza e per la presenza di pilastri).
Attualmente la scuola ospita 247 alunni e dispone di 12 classi destinate ad attività didattiche (di cui 10 per le attività normali, un’aula informatica e una per attività interciclo). L’unico spazio collettivo era destinato alla mensa, nella quale per ragioni di spazio veniva effettuato il doppio turno, alla palestra con i relativi servizi e ad alcuni locali destinati ad attività complementari (due aule insegnanti, la bidelleria e l’aula per fotocopie e cancelleria). Una situazione in cui le superfici delle attività didattiche normali e interciclo risultavano sottodimensionate, precludendo la possibilità di attività anche di carattere ludico-creativo e sperimentale. Una ulteriore nuova aula è stata già ricavata al primo piano con la realizzazione della nuova palestra.

La Busa

GRATIS
VIEW