Rifacimento climbing stadium di Prabi, abbattuti gli alberi del parco

Redazione14/09/20233min
ALBERI ABBATTUTI CLIMBING STADIUM ARCO PRABI 5
ALBERI ABBATTUTI CLIMBING STADIUM ARCO PRABI
ALBERI ABBATTUTI CLIMBING STADIUM ARCO PRABI 2
ALBERI ABBATTUTI CLIMBING STADIUM ARCO PRABI 4

 

Sono iniziati da poco i lavori di rifacimento del Climbing Stadium a Prabi di Arco e all’interno del cantiere, sul retro della vecchia parete di arrampicata e al confine con il piazzale della Scuola Secondaria, sono stati abbattuti alcuni alberi che molto probabilmente impedivano la costruzione della nuova struttura e quindi è stato fatto lo spazio necessario, sacrificando le piante del grande parco.
Immediate le proteste sui social per quello che viene definito uno sfregio ambientale.
“Siamo anacronistici e abbiamo forse perso il senso del limite – dice in un post lo scrittore Mattia Mascher – D’accordo, questi alberi erano sul suolo del cantiere per il Climbing Stadium, ma va ricordato che da sempre venivano utilizzati da alunne e alunni delle scuole medie per ripararsi all’ombra durante la ricreazione. In tutta Europa si stanno facendo progetti per piantumare e accrescere il patrimonio arboreo delle città anche e soprattutto per mitigare le ondate di calore sempre più frequenti con i cambiamenti climatici. Ma gli alberi, soprattutto quelli monumentali o di un certo diametro, dovrebbero essere considerati patrimonio di tutta la comunità e protetti. Possibile che non siamo più capaci di progettare senza eliminare? Ah, ma già, scusate, saranno sicuramente stati malati, pericolosi e dovevano per forza essere tagliati. Se però così fosse, mi aspetterei che nello stesso punto ne vengano messi di nuovi. Ad Arco Città Giardino”.
Altri messaggi da parte dei cittadini: “Che macello! Di questo passo non rimarrà un solo albero ad Arco, così come a Riva…”, oppure “È evidente che il progetto finanziato coi fondi del PNRR – scrive l’ex consigliere comunale Giovanni Rullo – e la responsabilità sono in capo al Comune che avrebbe dovuto agire con molta più cura. Ma è sotto gli occhi di tutti come ormai ogni cantiere debba sempre prevedere l’abbattimento di alberi ad alto fusto. Per chi progetta e per chi approva è normalità”.
“Sono momentaneamente via da Arco – scrive Maurizio Giuliani – e vedo le foto delle piante abbattute a pochi metri da dove abito. Le ho viste crescere fino a 10 metri di altezza, che grande delusione…”.

(Foto da Facebook)

 

Continue in browser
Per installare tocca Aggiungi alla schermata Home
Aggiungi alla schermata Home
La Busa
Ottieni la nostra APP. Resta aggiornato sulle ultime notizie.
Installa
La Busa Vorremmo mostrarti le notifiche per restare aggiornato sulle ultime notizie.
Rifiuta
Consenti notifiche