Orsi e lupi in Trentino, il nuovo gruppo Ursa: “No alla nuova Legge, mantenere Life Ursus”

Redazione06/04/20243min
ORSO FOTOTRAPPOLA



 

Gli avvistamenti, e nei casi più gravi anche aggressioni, di orsi e lupi in tutto il Trentino hanno ormai una cadenza quasi giornaliera. Stessa cosa anche per l’Alto Garda e Ledro, dove sono stanziali una decina di orsi e alcuni branchi di lupi.
Si è da poco costituito un nuovo Comitato, “Gruppo Ursa Trentino”, che in un lungo documento attacca la gestione del progetto provinciale “Life Ursus”, datato 1999: “Crediamo fortemente che la gestione e la supervisione di questo progetto, vista la grave problematica dell’impoverimento genetico, debba tornare ad essere condivisa con un pool di esperti preparati e pragmatici che abbiano come obiettivo l’abbattimento del rischio (non della popolazione di orsi!) e la ricostruzione di quel patto sociale che in poco tempo la politica è riuscita a disfare, avvalendosi di un’informazione non trasparente e comunque carente e faziosa, sicuramente scorretta”.
In queste poche righe, il pensiero del comitato Ursa, di cui fanno parte Alessandro De Guelmi, Marco Moientale, Patrizia Perini e Letizia Vicari.
Il Gruppo è formato da “esperti di fauna selvatica e da cittadini attenti e seriamente preoccupati” – si legge nel documento – e intende “promuovere una obiettiva discussione tra le diverse opinioni e sensibilità, meno legata all’emotività”. E rimarca una “costante disinformazione generale e accanimento di chi non ha saputo cogliere molte occasioni per ragionare e confrontarsi in merito all’abbandono della gestione del progetto Life Ursus e sulla necessità di un immediato attento recupero della stessa”. “Abbiamo offerto la nostra collaborazione proponendoci di organizzare serate informative e di dibattito, riscontrando chiusure ermetiche imbarazzanti”, scrivono ancora i referenti del gruppo. Che aggiungono: “Comprendiamo la loro posizione, l’argomento orso (ora anche lupo) è diventato scomodo ed è da evitare per non rischiare di essere confinati in uno sterile dualismo tra contrari e favorevoli quanto mai inoppportuno”.
Per il Gruppo Ursa Trentino dall’avvio del progetto “Life Ursus” ad oggi “è stato fatto poco, soprattutto si è allontanata la competenza scientifica, togliendo il progetto al Parco Adamello Brenta, sciogliendo il Comitato Faunistico”. I referenti attaccano infine il Disegno di legge della Giunta Fugatti per abbattere fino ad un massimo di 8 orsi ogni anno tra quelli ritenuti problematici, “da chi e con che standard”, chiedono ancora: “Vi era davvero la necessità di una nuova legge per intervenire tempestivamente? Gli strumenti normativi – concludono – erano già stati emanati e potevano essere usati (vedi abbattimento M90)”. Per il gruppo Ursa si tratta solo di una “norma propagandistica”.

Continue in browser
Per installare tocca Aggiungi alla schermata Home
Aggiungi alla schermata Home
La Busa
Ottieni la nostra APP. Resta aggiornato sulle ultime notizie.
Installa
La Busa Vorremmo mostrarti le notifiche per restare aggiornato sulle ultime notizie.
Rifiuta
Consenti notifiche