La Pasqua di Floriani: “Paze, ‘ncanti e splendori”, ma anche “tristezze, ansie e dolori”

RedazioneRedazione04/04/20213min459
Giacomo-Floriani_02


La Associazione Culturale “Giacomo Floriani” vuole augurare a tutti gli appassionati di dialetto una serena Pasqua prendendo lo spunto da quanto dice Giacomo Floriani nella sua poesia “Stéle alpine”, quando parla di “paze, ‘ncanti e splendori”, ma anche “di tristezze, di ansie e di dolori”, termini che ben si addicono al momento che tutti noi stiamo vivendo.
“Per questo – scrive il presidente Livio Parisi – il nostro augurio vuole essere anche un caloroso invito alla speranza che le cose migliorino rapidamente per ritornare ad una vita normale, fatta di relazioni, incontri, vicinanza non solo fisica. Cose che la nostra Associazione, come le tante altre, ne ha grande bisogno. Allora arrivi a Voi tutti la bella poesia del nostro grande poeta dialettale”.

Stéle alpine

Sul cassabanc, che polsa dentro ‘n vaso,
en pòc secae, ma ancora veludine,
ligade ‘nsèma da ‘n nastrim de raso,
gh’ò ‘n maz de stéle alpine.

E le tègno con tut el só riguardo,
come fusse robe delicate,
perché le mé ricorda, se le vardo,
le zime ‘ndó l’è nate.

Oh, fiori de montagna sempre vivi,
che conossé le alture sconfinade,
le cròne ‘ndove l’aquila fa i nivi,
le erte disperade,

che conossé i segreti dei buroni,
el pas lizer dei levri e dei camozzi,
el sciabolar dei lampi, ‘l cias dei tóni,
el slavinar dei crozzi,

perché mai v’ò robà a le vosse altezze,
piene de paze, ‘ncanti e de splendori,
e v’ò portà ‘n de stó mondo de tristezze,
de ansie e de dolori?

Perché mé portesse ‘n cór, fiori cari,
en de sta camera pitoca e scura,
en dei momenti penserosi e amari,
en pòc de aria pura,

la paze de le alture, che ristòra,
l’alegria dei vossi ciari orizonti;
e gòderme cossí ‘n moment ancóra
la poesia dei monti.

La Busa

GRATIS
VISUALIZZA