Il Mercatino di Natale di Arco è sempre in attivo

Claudio ChiaraniClaudio Chiarani09/01/20203min440
mercatino_natale_arco

Se le piogge dei weekend di novembre 2019 avevano messo qualche bastone tra le ruote al ben oliato meccanismo del Mercatino di Natale di Arco, ora che tutto è finito e il sole di ha portato calore e luce il bilancio definitivo dell’evento può dirsi senz’altro positivo. A dirlo è Assocentro, l’ente organizzatore del Mercatino di Natale. “Sì, l’inizio è stato molto rallentato dal meteo – afferma in una nota il Consorzio dei Commercianti del centro storico arcense – ma poi tutto è andato al meglio, permettendoci di dire che anche questa edizione si è chiusa positivamente”. Difficile, sempre, quantificare in quante persone siano passate da Arco durante i giorni d’apertura del Mercatino, ma si può dire senz’altro che i numeri dell’edizione 2018 sono stati superati. Per Andrea Cobbe, colui che ha ereditato il timone da Bruno Lunelli, “inventore” del Mercatino di Natale 25 anni fa, è stata un’edizione molto soddisfacente. “Possiamo senz’altro dire che è andata bene. Abbiamo incrementato i giorni d’apertura e i risultati raggiunti ci confermano la bontà dell’iniziativa. Abbiamo raggiunto buoni risultati, abbiamo avuto e organizzato più eventi e così i timori iniziali dovuti al vento ed alla pioggia sono presto scomparsi”. Arco è stata visitata da molte comitive giunte in autobus, ma anche dagli appassionati dei Mercatini che si spostano con i camper o con la propria vettura, generando un indotto nei due mesi non indifferente per il territorio, che Cobbe stima in circa sei milioni di euro nel quale hanno contribuito anche i posti di lavoro che si sono venuti a creare, circa duecento. Le novità su cui Assocentro ha puntato, l’attenzione alle famiglie e l’offerta culturale ha dunque “pagato” in termini di numeri e successo finale. Eventi come il Black Christmas, l’esibizione dei vari artisti di strada, il videomapping, le feste per la Befana e i fuochi d’artificio sono stati i punti cardine di un’offerta ben lungi dall’essere passata di moda. Anzi. Il tutto “condito” dall’anima Asburgica di Arco che va tenuta sempre in considerazione.

Claudio Chiarani

Claudio Chiarani


La Busa

GRATIS
VIEW