Il Comune di Arco ha revocato il permesso di costruire al supermercato Aldi

Claudio Chiarani22/09/20212min7028
20210526IMG_0171 ALDI SUPERMERCATO

L’intricata vicenda legata all’apertura del nuovo punto vendita della catena di supermercati col marchio Aldi, avvenuta a maggio scorso, vede un nuovo e delicato momento, quello della revoca del permesso di costruire da parte del Comune di Arco. La motivazione sarebbe (il condizionale in questi casi è sempre d’obbligo) la mancanza di parcheggi previsti per questo tipo d’attività, necessari ad un punto vendita della grande distribuzione organizzata.
Una vicenda che rimette tutto in discussione, compresa la decisione della giunta comunale arcense che nel maggio scorso aveva deciso di annullare la concessione contro la quale aveva presentato ricorso il gruppo Poli al Tribunale Amministrativo Regionale, il Tar.
Oggi, dunque, arriva la decisione della revoca del permesso di costruire da parte dell’amministrazione comunale arcense, contro la quale, ovviamente, Aldi ha fatto ricorso.
Aperto il 27 maggio di quest’anno, il punto vendita del marchio germanico si trova ora a dover controbattere adducendo le sue motivazioni in contrapposizione a quelle che hanno portato in questi giorni alla decisione dell’amministrazione arcense. Il tutto, com’è noto, verte attorno ai parcheggi (sette per la precisione quelli contestati) che un punto vendita come quello deve poter avere per aprire l’attività. Stalli che secondo il progettista sono rispettosi della normativa vigente ma che, secondo alcuni comitati ambientalisti (WWF) e la concorrenza (Poli), invece, non corrispondono.
Sette di questi, infatti, gravitano a distanza dal punto vendita, che secondo i progettisti sono legittimi. Dunque, permesso decaduto e via al permesso di costruire. Di fatto con questo provvedimento si ipotizza il reato di abusivismo, o si ripristina o si chiede una Sanatoria, cosa più che probabile in questi casi. Tra irregolarità burocratiche tutte da verificare, istanze, provvedimenti e altro, ora è l’istanza di Sanatoria presentata dal privato che porterà alla soluzione.

La Busa

GRATIS
VISUALIZZA