Disponibili altri Bonus alimentari: domande fino al 16 maggio

AvatarRedazione03/05/20213min357
20210327_DSC9515 caritas riva POVERI


La fine di questa crisi sembra lontana. A causa del lavoro stagionale legato ai flussi turistici ora mancanti, centinaia di famiglie, in particolare nell’Alto Garda, non ricevono uno stipendio dall’anno scorso. Un aiuto per queste famiglie in serie difficoltà arriva nuovamente dalla Comunità di valle. Da lunedì 3 fino al 16 maggio sarà possibile richiedere il «Bonus Alimentare» per i nuclei familiari maggiormente colpiti dagli effetti economici del coronavirus e residenti nei Comuni dell’Alto Garda e Ledro. L’iniziativa è gestita dalla Provincia di Trento, dagli enti locali, attraverso le Comunità di valle ed i Comuni di Trento e Rovereto e finanziata con risorse stanziate dallo Stato. Le Comunità e i Comuni hanno concordato con il Consorzio dei Comuni Trentini la messa in atto di requisiti omogenei per il riconoscimento con lo scopo di assicurare uniformità di accesso al sussidio. La Comunità Alto Garda e Ledro per il Bonus Alimentare nel 2021 disponeva di fondi statali ammontanti a 273.656 euro di cui 106.750 sono stati elargiti a seguito delle 346 domande aventi i requisiti su 643 presentate, relativamente alla prima fase decorsa dal 26 gennaio al 10 febbraio. Si è proceduto quindi all’assegnazione di un secondo pagamento di medesima somma ai beneficiari della prima fase del bonus.

Considerato che vi sono risorse residue, si sono determinati i criteri per la distribuzione, valutando anche situazioni di bisogno ulteriori, in relazione a criteri per l’accesso e l’erogazione del sussidio definiti tra tutte le Comunità di valle. L’importo del «Bonus Alimentare», in funzione ad un periodo di tempo pari a quattro settimane, è riconosciuto a 150 euro, per nuclei familiari costituiti da una persona, 250 euro per nuclei familiari di due persone, 350 euro, per nuclei familiari di tre persone, 500 euro, per nuclei familiari di quattro e più persone. Il beneficio verrà assegnato attraverso accredito su conto corrente intestato o cointestato al richiedente. Sul sito delle Comunità di valle (www.altogardaeledro.tn.it) vi è la modulistica per presentare le domande ed è possibile visualizzare ulteriori info sul bonus. Molti sono gli interventi ordinari e straordinari di sostegno alle famiglie più in difficoltà a cui si aggiunge il bonus alimentare. Tra questi il «Fondo di Solidarietà», messo in campo dalla Comunità Alto Garda e Ledro, prorogato fino al 31 dicembre di quest’anno e finanziato da risorse della Comunità stessa, rinforzate dai Comuni e da donazioni private.
(Alternanza scuola – lavoro Liceo “A. Maffei” – Martina Pace)

La Busa

GRATIS
VISUALIZZA