Depuratore al Linfano: “Le competenze sul collettore spettano ai Comuni”

Claudio Chiarani14/03/20222min459
20210927_DSC7494 DEPURATORE LINFANO ARCO

L’interrogazione in Consiglio Provinciale sul funzionamento del depuratore del Linfano di Arco l’aveva presentata il consigliere del Gruppo Misto Alex Marini nel settembre scorso e ora, a firma del presidente Fugatti, è arrivata la risposta. Marini chiedeva in aggiunta alle due linee d’intervento proposte nell’incontro del 16 settembre 2021 se le richieste presentate dal Comitato Salvaguardia e Vivibilità Linfano Torbole, contenute in un documento a titolo “Depuratore in Località Linfano Arco – Vivibilità promuovere delle aree circostanti” potessero ricevere risposta. Inoltre, al punto 2 dell’interrogazione, Marini sollecitava il Consiglio per sapere se e con quale modalità l’amministrazione provinciale intendesse promuovere iniziative e coordinare interventi con le amministrazioni comunali di Arco e Nago Torbole per affrontare la criticità a monte dell’impianto di depurazione, diretta conseguenza della non corretta separazione delle acque bianche da quelle nere. Ebbene, la Provincia al primo punto ha risposto che dopo aver acquisito tutte le valutazioni, tenendo conto degli elementi emersi nel corso degli incontri è già impegnata nella realizzazione degli interventi di cui si era parlato e delle relative problematiche che richiedono un approccio di pianificazione e operativo adeguato alle priorità e alla sostenibilità economico-finanziaria.
Sul secondo punto la Provincia risponde che non è di sua competenza intervenire sui collettori comunali, pertanto, le eventuali verifiche sul corretto allacciamento spettano ai Comuni.
I collettori principali, invece, sono costantemente controllati perché questo sì, spetta alla Provincia di Trento.

La Busa Vorremmo mostrarti le notifiche per restare aggiornato sulle ultime notizie.
Rifiuta
Consenti notifiche