Circolo Vela Torbole: Versini e Santoni si aggiudicano la “Line Honour” di Caorle

RedazioneRedazione14/04/20213min381
vela altura versini santoni La80_2_0966
vela altura versini santoni Hagar_03
vela altura versini santoni Hagar_09


“Hagar V”, Scuderia 65 di Gregor Stimpfl con a bordo il presidente del Circolo Vela Torbole Mauro Versini e Silvio Santoni con il figlio Tommaso, ha tagliato per prima il traguardo in tempo reale alla “Ottanta” di Caorle, prima regata lunga d’altura dell’Alto Adriatico a calendario FIV, organizzata dal Circolo Nautico Santa Margherita.
Dopo la partenza con venti leggeri e sole primaverile, la situazione meteo è progressivamente passata ad un intenso vento freddo con onda formata di scirocco e raffiche di forte intensità arrivate però solo in tarda serata, quando dovevano ancora arrivare gli scafi più piccoli e meno performanti.
Soddisfatto l’armatore al traguardo, che si è aggiudicato la “Line Honour” XTutti: “Questa regata è stata una luce, un’occasione per parlare, fare un ottimo allenamento e ritrovare il piacere della navigazione, di vivere il mare e le regate. Il nostro è un equipaggio di amici che navigano insieme da sempre, con me ci sono Aldo Scuderi, Silvio e Tommaso Santoni, Sergio Blosi, Giulio Maccarrone, Mauro Versini, Filippo Amonti, Christian Plunger, Harald Miesbauer e Hans Hell. Abbiamo avuto una navigazione tranquilla con vento tra 10 e 13 nodi, che ha permesso di allenarci e testare il materiale senza stress. La barca sarà al via anche a La Duecento, poi ci trasferiremo in Grecia per altre regate”.
La settima edizione della “Ottanta” è stata da record, con 92 imbarcazioni iscritte nelle categorie X2 e XTutti, che anche in questo particolare momento hanno dimostrato che con responsabilità e attenzione si può tornare a vivere le emozioni della vela d’altura.

“Il percorso da Caorle direzione Grado-Boa Paloma-Pirano (SLO) e ritorno – ha commentato al suo ritorno il Presidente del CV Torbole Mauro Versini – ha offerto una navigazione molto tecnica che ci ha permesso di “fare squadra” in vista delle prossime regate in programma”. “Non c’e da perdersi in trionfalismi – aggiunge Silvio Santoni – perché vincere in tempo reale quando hai la barca più grande della flotta è ovvio; piuttosto è stato un prezioso test di materiali e messa a punto, nonché occasione di coordinamento dell’equipaggio in vista dei prossimi appuntamenti 2021: la Duecento xTutti a fine aprile e la Aegean Race in programma ad inizio luglio in Grecia”.

La Busa

GRATIS
VISUALIZZA