Capodanno nell’Alto Garda, mancano i grandi eventi per i giovani

Claudio Chiarani31/12/20222min
hop 2019 DSC_9452

[adrotate banner=”28″]

 

Capodanno, che fare? Una volta, e nemmeno molti anni fa, c’era l’imbarazzo della scelta. Veglioni, cenoni e feste ovunque ma oggi, dopo la pandemia e con una crisi internazionale legata al conflitto Russia-Ucraina, tali eventi nell’Alto Garda sono ormai un ricordo. In Trentino qualcosa si muove, con il capoluogo vede la festa in piazza a base di musica, divertimento e bollicine per salutare il nuovo anno con piazza Duomo avvolta dalle musiche degli anni ’90 prima dello spettacolo dei fuochi d’artificio a mezzanotte, un evento che fa il paio con quelli organizzati anche a Cavalese, Pergine, Cles e Levico.
Senza contare gli eventi nelle località sciistiche con cenoni di S. Silvestro nei rifugi e discesa in slittino al chiaro di luna sulle piste.
E nel territorio dell’Alto Garda? Fino al 2019 l’evento più atteso era “Hop” al Palameeting con spettacolo pirotecnico a mezzanotte ma oggi, nel post pandemia e senza Palameeting, non è stato possibile organizzare l’evento che catalizzava i giovani di tutta la provincia. In piazza Garibaldi, tra le casette del Mercatino del Gusto, si farà festa con musica e Dj, in alcuni hotel e ristoranti hotel ci saranno cenoni e feste per i clienti, ma si sente la mancanza di un grande luogo di aggregazione per i giovani. Per questo le feste in casa privata saranno molte e assai partecipate. Fino ad arrivare al tuffo dei temerari in piazza Tre Novembre, a mezzogiorno, domenica 1° gennaio.

 

[adrotate banner=”29″]

[adrotate banner=”30″]

Continue in browser
Per installare tocca
e scegli
Aggiungi alla schermata Home
La Busa
Ottieni la nostra APP. Resta aggiornato sulle ultime notizie.
Installa
La Busa Vorremmo mostrarti le notifiche per restare aggiornato sulle ultime notizie.
Rifiuta
Consenti notifiche