Arco, Trento e Pergine esclusi dal finanziamento statale: i Sindaci scrivono ai Parlamentari

Redazione14/01/20224min390
ARCO PANORAMA CASELLO

I comuni di Arco, Trento e Pergine non ci stanno al fatto di essere stati esclusi dal finanziamento statale di alcuni progetti di rigenerazione urbana, in base al Decreto Legge 30 dicembre 2021. I Sindaci Alessandro Betta, Franco Ianeselli e Roberto Oss Emer hanno quindi deciso di inviare una lettera congiunta ai Parlamentari trentini Diego Binelli, Vanessa Cattoi, Donatella Conzatti, Andrea De Bertoldi, Riccardo Fraccaro, Martina Loss, Tiziana Piccolo, Emanuela Rossini, Mauro Sutto ed Elena Testor.
“Con enorme dispiacere – scrivono i Sindaci nella lettera – abbiamo appreso che i progetti di rigenerazione urbana presentati dalle nostre Amministrazioni, pur essendo risultati ammissibili a finanziamento, sono stati esclusi dai contributi perché le risorse stanziate non risultano sufficienti per finanziare tutte le richieste. Non è nostra intenzione entrare nel merito dei criteri utilizzati per la redazione della graduatoria, che di fatto hanno fortemente penalizzato la totalità dei comuni trentini che hanno presentato domanda, fatta eccezione per il comune di Riva del Garda, ma ciò che auspichiamo e chiediamo con questa nostra nota è che vengano integrate le risorse disponibili con un ulteriore stanziamento che permetta di finanziare tutti i progetti ammissibili e consenta anche ai nostri Comuni, che rappresentano i centri urbani di maggiore dimensione della Regione, di porre rimedio alle problematiche del degrado urbano e sociale tramite interventi concreti. Il mancato finanziamento precluderebbe la possibilità di realizzare opere rilevanti per lo sviluppo del nostro territorio”.
Arco ha presentato alcuni progetti di riqualificazione urbana diffusa come la ciclabile in zona industriale Arcese-Aquafil, l’adeguamento della strada che porta su al castello e la pavimentazione dei tre centri storici.
Il Comune di Trento prevede come necessario sviluppo del più ampio progetto della circonvallazione ferroviaria di Trento e Pergine, invece, il progetto di riqualificazione del centro storico stimolando la ristrutturazione degli immobili attualmente non abitati, migliorando la vivibilità con un impulso alle attività economiche.

“Ci uniamo all’appello già avanzato da molti altri Comuni esclusi dal finanziamento – prosegue la lettera dei Comuni di Arco, Pergine e Trento – nell’auspicio che si reindirizzino risorse del bilancio dello Stato al fine di implementare i fondi per la rigenerazione urbana, come già avvenuto in passato per altre misure, e soddisfare le domande di tutte le Amministrazioni tra le quali le nostre che hanno già investito energie e risorse per attuare concretamente interventi fondamentali per il futuro del nostro territorio e delle nostre comunità in linea con le finalità e le tempistiche del Next Generation EU”.
Infine i Sindaci Betta, Ianeselli e Oss Emer invitano i Parlamentari ad un incontro per illustrare i contenuti dei progetti presentati dai Comuni trentini e condividere eventuali iniziative in grado di aiutarli a cogliere una preziosa opportunità di sviluppo nella direzione della sostenibilità e della rigenerazione urbana.

La Busa

GRATIS
VISUALIZZA