Arco dice addio a Don Giampaolo Giovanazzi

RedazioneRedazione03/04/20213min1188
Don-Giampaolo-Giovanazzi


Si è spento nel pomeriggio del Venerdì Santo 2 aprile, per un improvviso malore, don Giampaolo Giovanazzi. Aveva 86 anni.
Nato ad Arco, don Giampaolo venne ordinato a Trento nel 1959 e, come primo incarico, fu vicario parrocchiale a Trento in Santa Maria Maggiore (1959-1961), Levico (1961-1963), Trento Sant’Antonio (1963-1966).
Studiò quindi teologia a Roma, all’Università Lateranense (1966-1967) e poi filosofia e pedagogia all’Università Salesiana (1967-1970). Al rientro fu nominato vicerettore del seminario di Trento (1970-1971) e quindi professore in seminario e catechista (1970-1982). Negli stessi anni fu all’ufficio catechistico in curia (1975-1982), assistente dell’Agesci (1980-1985) e assistente regionale MASCI (1993-1994).
Per 12 anni fu quindi delegato della Caritas diocesana (1982-1994), e in seguito intraprese la strada della missione come fidei donum in Brasile (1994-2001). Al rientro in Italia fu nominato parroco a Chizzola (2001-2003), Serravalle (2002-2003), Ala (2001-2011), Santa Margherita (2003-2011), ed anche decano di Ala (2002-2011).
Negli ultimi anni fu collaboratore pastorale del decanato di Arco (2011-2012), e di nuovo missionario in Brasile (2012-2013), diventando al rientro assistente spirituale della casa di riposo “Ubaldo Campagnola” di Avio, paese della Vallagarina dove risiedeva.
Don Gianpaolo era anche un abile scrittore e aveva realizzato, negli anni ’90 del ‘900, alcuni libri legati ai suoi viaggi (“Il vento d’occidente”, “L’altra America”, “I giorni della Polonia”, “Oltre la Croazia”). La sua passione per la storia locale lo aveva portato a realizzare alcuni volumetti dove raccontava la storia di Arco (“Migole de storia”, “Arco d’altri tempi”, Memorie di Arco”) anche grazie alle testimonianze della sua mamma, valorizzando anche la parlata dialettale altogardesana.
Grazie al suo impegno con la Caritas diocesana, ricevette nel 2014 dall’arcivescovo di Lublino, mons. Stanislao Budzik, l’onorificenza “Lumen mundi”, “come riconoscimento dell’impegno evangelico di solidarietà e condivisione della Caritas di Trento e dei suoi collaboratori a favore del Seminario di Lublino in anni di grande difficoltà”.
Il funerale sarà celebrato mercoledì 7 aprile alle ore 15 ad Arco nella Chiesa Collegiata.

La Busa

GRATIS
VISUALIZZA