112, quasi 300mila chiamate in un anno

Redazione12/02/20243min
NUMERO UNICO 112 EMERGENZA SOCCORSI (1)



 

“Emergenza, in che comune ha bisogno?”. Il tempo di uno squillo, pari ad appena tre secondi e al numero unico 1-1-2 risponde un operatore di Centrale. Sono state 295.970 le chiamate ricevute e filtrate nel 2023, in significativo aumento rispetto all’anno precedente (nel 2022 erano 241.290). Un lavoro e uno sforzo importante, che nella giornata dedicata proprio al numero di emergenza (11 febbraio) ha visto decine di persone visitare gli spazi della Centrale di via Pedrotti. L’appello lanciato ai cittadini è stato di scaricare l’App “Where are U”, che facilita la localizzazione degli eventi per i quali è richiesto l’intervento di soccorritori e forze dell’ordine.

Il direttore della Centrale unica di emergenza Silvia Marchesi ha messo in luce l’importante effetto filtro svolto dagli operatori: il 51,4% delle chiamate non viene trasferito alle centrali di secondo livello, evitandone il sovraccarico: “Le telefonate filtrate riguardano scherzi, errori e chiamare multiple per lo stesso evento, oltre ai falsi allarmi lanciati in automatico dai dispositivi mobili” ha spiegato Marchesi. Circa il 50% delle chiamate è di competenza dell’emergenza sanitaria, il 22,6% dell’Arma dei carabinieri, il 10% della Polizia di Stato e il 14% dei Vigili del fuoco. Appare inoltre in continua crescita l’utilizzo del servizio multilingue (circa 2.000 richieste, in testa tedesco, inglese e polacco).

Luglio è stato il mese con il numero più alto di chiamate, quasi 31.600, anche per via dell’emergenza maltempo del 18 luglio, con bombe d’acqua che avevano interessato le zone di Trento, Valsugana, Moena e Passo San Pellegrino (2.119 chiamate ricevute, pari ad oltre il doppio della media del periodo).

È proprio in occasione delle emergenze meteo che viene attivata la procedura avanzata del “filtro laico”: in caso di iperafflussi, prevede che la Centrale unica di risposta 112 formuli delle specifiche domande all’utente, al fine di classificare la gravità degli eventi: “Una procedura che consente di gestire con maggiore efficienza le tante chiamate concentrate in un breve lasso di tempo” ha spiegato Marchesi.
Tra le principali implementazioni tecnologiche che hanno caratterizzato il 2023, figura il nuovo servizio Dynamic Call, con cui la Centrale invia un link via Sms all’utente, cliccando sul quale si trasmettono in automatico le coordinate del cellulare. Intanto, il sistema Aml appare sempre più efficiente: il 62% delle chiamate viene infatti localizzato in automatico dal sistema, ma solo dopo 20-40 secondi di conversazione.

Continue in browser
Per installare tocca Aggiungi alla schermata Home
Aggiungi alla schermata Home
La Busa
Ottieni la nostra APP. Resta aggiornato sulle ultime notizie.
Installa
La Busa Vorremmo mostrarti le notifiche per restare aggiornato sulle ultime notizie.
Rifiuta
Consenti notifiche