Lino Gobbi, l’ultimo abbraccio della città di Arco

RedazioneRedazione11/01/20213min1290


Molte persone hanno assistito all’ultimo saluto a Lino Gobbi, Penna nera e reduce della Seconda Guerra Mondiale. Nella Chiesa Collegiata una folla composta e ordinata, alla presenza di tante autorità, ha voluto assistere alle esequie del noto personaggio. Avrebbe compiuto cento anni tra un mese, il nove febbraio, ma purtroppo la sua pur forte fibra non gliel’ha concesso e così si è addormentato per sempre il 5 gennaio con tutti i suoi ricordi.
Durante il funerale, trasmesso anche in streaming e visibile online, è stato letto anche il suo “testamento” scritto in versi dialettali lo scorso 15 agosto e che qui riportiamo:
“Vizìm a ti, Signoredio
” ‘N alpim quasi vecio che sogna
le só montagne e le só roìne
e che ghe par che le toca ‘l ciel
l’alza i oci e ‘l se arma
de prossàch e de bastóm
e ‘l se ‘nvìa per rivàr su ‘n zima
‘ndó che par che ‘l toca
squasi ‘l paradìs.
E lì, ‘n quel moment,
squasi ‘l se ‘ndinocia e ‘l se domanda:
“Sarònte degno de rivàr en fin lassù?”.
E l’alza ancora i oci come dir:
“Scólta, Signoredio.
Se nó fuss degno de rivàr
enfìn lassù da Ti,
làsseme lì almém vizìm ale stéle
‘n de na crepa dei crozzi e poda polsàr…
e che a farme ombra sia na cróss
che la se ‘nfis’cia del fret e dei zighi del vent…
fin che vegnirà la primavera
e la Pasqua la faga con Ti
e con tuti quei che me vol bem”.
Som tut per Voiiii!
Monte Velo, 15 agosto 2020
El Lino”

La Busa

GRATIS
VISUALIZZA