Inaugurato a Trento l’Anno Giudiziario

Redazione02/02/20204min403
fugatti anno giudiziario

Momento ufficiale anche in Trentino, sabato 1 febbraio presso il palazzo di Giustizia del capoluogo, per l’assemblea generale di inaugurazione dell’Anno Giudiziario.
Presente anche il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti. “In primo luogo desidero esprimere un sentito ringraziamento alla Presidente della Corte di appello, al Procuratore Generale, a tutti i magistrati del Distretto per la fattiva e costruttiva collaborazione instaurata e negli anni rafforzata. Siamo consapevoli della difficoltà della sfida che abbiamo colto, ma anche dell’importanza per il nostro territorio di realizzare un progetto che costituisce un unicum nel panorama nazionale e non solo e siamo al contempo consapevoli che solo uno sforzo corale, di tutti gli attori coinvolti, potrà portare buoni risultati in termini di efficienza, di miglioramento del clima organizzativo e lavorativo, di riduzione dei tempi dei procedimenti amministrativi e di aumento della qualità dell’azione amministrativa, azione amministrativa che costituisce un ingranaggio fondamentale della macchina giudiziaria.
Inoltre sono state appena concluse le prove per l’assunzione di assistenti giudiziari per la provincia di Bolzano ed è stato bandito – e sono già state avviate le procedure selettive – per analogo concorso per la provincia di Trento.
Si deve peraltro rilevare che permane un’oggettiva difficoltà nel reperimento del personale in provincia di Bolzano, dove, nel concorso recentemente espletato, a fronte di 16 posti banditi, sono state presentate 88 domande di partecipazione, ma alle prove si sono presentati solo 36 candidati. Le prove concorsuali sono state poi superate da 13 candidati , con una percentuale in linea con gli altri concorsi della Regione.
Per quanto riguarda il concorso per la provincia di Trento, invece, le domande presentate sono circa 400, e nei prossimi mesi saranno espletate le prove selettive.
OPERE DI MANUTENZIONE E ALTRI SERVIZI
Come è noto la delega ha comportato il passaggio alle Province di Trento e Bolzano della proprietà degli immobili e la presa in carico della manutenzione ordinaria in capo alla Regione ed il subentro della stessa nei contratti di manutenzione, forniture e servizi conclusi a suo tempo dal Ministero.
Nel corso del 2019 sono stati posti in essere più di 100 interventi, molti dei quali significativi per un migliore utilizzo degli spazi negli uffici giudiziari.
Sempre in un’ottica di razionalizzazione e semplificazione delle necessarie attività amministrative per un più efficace e immediato intervento, si è provveduto alla definizione di più efficienti procedure di programmazione dei lavori e degli acquisti di beni e servizi destinati agli uffici giudiziari; inoltre la Regione e la Provincia di Trento hanno stipulato apposita convenzione per la gestione dei lavori di manutenzione delle sedi giudiziarie dei circondari di Trento e Rovereto.
Ed il dato conclusivo a dimostrazione dell’impegno profuso per garantire il più ampio supporto al servizio giustizia da parte della Regione è testimoniato altresì dall’impegno di spesa per la fornitura di beni e servizi pari, per l’anno 2019, a €4.420.000 oltre che dalla previsione di numerosi interventi previsti già per l’anno in corso per gli impianti antincendio e gli archivi rotanti”.

La Busa

GRATIS
VISUALIZZA