Coronavirus 21-3-2020: in Trentino 239 contagiati in più, 28 il totale dei decessi

RedazioneRedazione21/03/20203min1226
20200319IMG_7332 arco accesso pronto soccorso coronavirus

È un forte appello al senso di responsabilità e al rispetto delle regole, assieme al ringraziamento per i tanti che già le osservano e per i sanitari in prima linea, quello che il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti ha rivolto questo pomeriggio nel consueto appuntamento per fare il punto sulla diffusione e gli effetti del Coronavirus. E, anche oggi, i numeri sono pesanti.
In Trentino, rispetto a ieri ci sono 239 contagiati in più, di cui 140 con tampone e 99 senza. Il numero complessivo dei positivi sale dunque a quota 1.306, mentre quello dei deceduti arriva a 28 (due persone sono decedute nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale S. Chiara di Trento, ma la lista di oggi è stata aggiornata anche coi risultati dei tamponi effettuati su pazienti anziani che soffrivano di altre patologie e sono deceduti in case di riposo).
Il presidente ha ripetuto l’invito ad andare a fare la spesa nei negozi più vicini e solo quando effettivamente serve, ed inoltre ad evitare, anche nella scelta dell’orario, gli assembramenti e diluire la presenza nei punti vendita.
Un forte appello alla responsabilità è stato indirizzato dal presidente Fugatti anche a chi è in quarantena e deve rispettare con particolare attenzione le norme di prudenza per evitare il diffondersi del contagio. Il presidente ha espresso inoltre apprezzamento per l’invito dell’Associazione Artigiani a interrompere le attività nei cantieri tranne quelli di pubblica utilità.
Quanto alla durata delle disposizioni impartite in Trentino, il governatore ha spiegato che una decisione sull’eventuale proroga a dopo il 25 marzo sarà adottata anche una volta verificato quello che il Governo intenderà fare a livello nazionale.
“I numeri – ha detto Fugatti – sono crudi e testimoniano quanto sia giustificata la decisione di chiudere le vie al contagio attraverso divieti e controlli. Stiamo lavorando alla ricerca spasmodica di dispositivi di protezione individuale ma, come detto anche ieri, il problema dell’approvvigionamento non è locale ma nazionale e internazionale.
La nostra prima preoccupazione è per chi lavora, come i sanitari che sono in prima linea e che ringrazio. Nelle ultime ore abbiamo avuto qualche disponibilità ma stiamo lavorando ancora per risolvere questo problema. Vogliamo inoltre aumentare di molto il numero dei tamponi da fare, arrivando a mille al giorno dalla prossima settimana. Alle aziende che ancora lavorano raccomando il rispetto delle regole poste a tutela della salute di chi lavora”.
“Il tasso di occupazione dei nostri posti letto sta crescendo – ha spiegato il direttore generale dell’Apss Paolo Bordon – Ieri eravamo a 247 occupati, oggi siamo a 288 e 43 ne abbiamo in terapia intensiva”.
Il dirigente generale del Dipartimento Salute Giancarlo Ruscitti ha ricordato che nelle Rsa del Trentino sono circa 280 gli ospiti contagiati dal Coronavirus.

Redazione

Redazione



Chi siamo

Il sito labusa.info è una iniziativa editoriale del fotoreporter Maestro Artigiano Fabio Galas per l’informazione quotidiana dell’Alto Garda, a complemento del fortunato mensile di attualità e cultura edito dal 2010. Sul portale trovano spazio anche i filmati di Telegarda Trentino, il canale televisivo … [segui]


SCRIVICI

CHIAMACI



Categorie



Direttore Responsabile Fabio Galas – Iscrizione Registro Trib. Rovereto n. 5/11


La Busa

GRATIS
VIEW