Convegno Rebuild a Riva: “Le case del futuro? Come quelle nello spazio”

Redazione17/05/20244min
riva fiere palacongressi REbuild 2024 (1)
riva fiere palacongressi REbuild 2024 (4)
riva fiere palacongressi REbuild 2024 (3)
riva fiere palacongressi REbuild 2024 (2)



 

Davanti a una sfida di dimensioni così grandi, servono cambiamenti altrettanto profondi. Obiettivo, dar vita a un nuovo modello industriale per il settore delle costruzioni. Questi, in sintesi, gli auspici scaturiti dalla decima edizione di Rebuild, l’evento dedicato all’innovazione sostenibile dell’ambiente costruito svoltasi a Riva del Garda con oltre 60 relatori, 16 conferenze, 8 workshop, 32 partner, 3 start up, 15 patrocini nazionali e 8 territoriali, 15 media partner, 5 partner scientifici, 21 aziende in esposizione, il contributo della Provincia autonoma di Trento e oltre 600 partecipanti.

Due giorni in cui non sono mancate indicazioni molto concrete volte ad aiutare le famiglie e le imprese a valorizzare e proteggere il patrimonio su cui hanno investito. Perché l’innovazione è tale solo se è all’interno di un quadro di valori condivisi e in un’ottica di sostenibilità ambientale ed economica. E, ancor più, sociale: il fattore ‘S’ della sigla ESG è stato infatti il protagonista in moltissimi interventi. I processi innovativi illustrati a REbuild devono entrare a pieno titolo nelle strategie industriali del Paese, e la politica deve giocoforza ragionare su una dimensione sistemica del cambiamento, incentivando e premiando l’innovazione sostenibile della filiera. Ad ogni livello di governo amministrativo, leggendo le dinamiche territoriali, la transizione deve continuare a essere percepita come un’opportunità di crescita e benessere condiviso.

REbuild, insieme a Walter Cugno – Vice-President, Exploration & Science di Thales Alenia Space Italia – ha sviluppato una riflessione sull’abitare e vivere nello spazio, un ambiente ostile in cui è indispensabile valorizzare al massimo le risorse disponibili, minimizzare gli sprechi, implementare la circolarità dei materiali e massimizzare il coordinamento degli sforzi in ricerca e sviluppo. “La Stazione Spaziale Internazionale è oggi la casa nello spazio di donne e uomini che la abitano costantemente da oltre 20 anni. – ha affermato Walter Cugno – Oggi la sfida è accompagnare l’umanità ad abitare, in modo sostenibile e duraturo, prima l’orbita e poi la superficie lunare, puntando un domani a stabilire una presenza su Marte”. Guardare alle infrastrutture spaziali e ai moduli abitativi lunari oggi significa rileggere il concetto di costruzione dalle fondamenta, pensare e progettare gli spazi in modo differente, percorrere strade e soluzioni inesplorate privilegiando pratiche e sistemi che riducano drasticamente l’impatto sull’ambiente e lavorino sulle fonti energetiche. Significa anche leggere con chiarezza la riorganizzazione di ecosistemi produttivi e manifatturieri in un’ottica di contaminazione, integrazione e industrializzazione delle filiere per la migliore spazializzazione di prodotti e servizi.

La casa del futuro potrà fare proprie alcune tecnologie in corso di sviluppo per i moduli lunari e le stazioni spaziali, potrà fare tesoro dell’efficienza dei sistemi di accumulo e produzione di energia, di stoccaggio, riciclo e purificazione di aria e acqua, impiegherà materiali innovativi (ignifughi, resistenti, elastici, protettivi, insonorizzanti…), utilizzerà tecnologie parlanti, sistemi di controllo da remoto, connessioni di ultima generazione, nuove applicazioni per la sicurezza. Sperimentando nuove frontiere di comfort e qualità dei luoghi, grazie a nuovi modi di progettare, costruire, riqualificare e gestire gli immobili, e a nuovi modi di viverli, lavorarvi, frequentarli e transitarvi.

 

Continue in browser
Per installare tocca Aggiungi alla schermata Home
Aggiungi alla schermata Home
La Busa
Ottieni la nostra APP. Resta aggiornato sulle ultime notizie.
Installa
La Busa Vorremmo mostrarti le notifiche per restare aggiornato sulle ultime notizie.
Rifiuta
Consenti notifiche