Assemblea Provinciale Vigili del Fuoco, limite di età per i volontari a 65 anni

Redazione22/06/20223min193
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il ringraziamento della Giunta, portato dagli assessori Mirko Bisesti e Roberto Failoni, all’impegno nel continuare a camminare a fianco dei vigili del fuoco volontari, istituzione e vera risorsa del nostro territorio. E’ il messaggio portato l’altra sera a Vallelaghi all’assemblea provinciale ordinaria dei Comandanti dei Corpi Vigili del fuoco Volontari della Provincia di Trento alla quale hanno partecipato il presidente della Federazione dei Corpi Vigili del Fuoco Volontari della Provincia di Trento Giancarlo Pederiva ed i vice presidenti, Daniele Postal e Luigi Maturi, ed il presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder.
L’assemblea ha visto la relazione del Presidente sull’attività svolta nel 2021 e l’approvazione del bilancio rendiconto 2021.

I lavori dell’assemblea provinciale ordinaria dei Comandanti dei Corpi Vigili del fuoco Volontari della Provincia di Trento, che ha visto la partecipazione di 168 rappresentanti, si è aperta con il saluto delle autorità. Parole di gratitudine sono arrivate da Roberto Failoni, assessore all’artigianato, commercio, promozione, sport e turismo, per il costante impegno (ha ricordato gli ultimi interventi in Sicilia e in Cadore ma anche il recente concerto di Vasco Rossi ed ha rinnovato l’attenzione sia per gli aspetti logistici sia per la promozione delle attività dei Corpi) e da Mirko Bisesti che ha portato i saluti del presidente Fugatti.

Il ringraziamento delle autorità va alla pazienza e alla costanza per il lavoro svolto in questi due anni complicati. Un omaggio va anche alla Giunta, una delle parti più belle del nostro Trentino, per storia e tradizione, che porta avanti il senso di comunità, un radicamento territoriale forte sia in centri importanti sia in piccoli comuni.

Bisesti e Failoni hanno poi incentrato il loro discorso sull’importanza dei giovani, sottolineando il fatto che il gruppo degli allievi sia quello che più ha risentito degli effetti della pandemia. Un grazie infatti va anche ai comandanti e istruttori che hanno saputo mantenere alto ed inalterato l’interesse per il Corpo da parte delle giovani leve.

All’assemblea è stato anche richiesto anche un parere sul mantenimento a 60 o innalzamento a 65 anni del limite di età per il ruolo di Vigile in servizio attivo nel Corpo VV.F. volontari. A seguito di un vivo dibattimento da parte dei comandanti ha visto come esito della votazione, la scelta dell’innalzamento del limite a 65 anni con 109 voti.


La Busa Vorremmo mostrarti le notifiche per restare aggiornato sulle ultime notizie.
Rifiuta
Consenti notifiche