A un passo dal futuro

Rubrica12/06/20234min
STUDENTI RAGAZZI SCUOLA

 

Quest'anno il sole non scalda i vetri delle finestre della classe, un'aria grigia e autunnale pervade questa fine primavera fortemente umida e incredibilmente fredda, creando confusione nei sensi di tutti.
Per fortuna esiste il calendario coi giorni segnati in rosso e in blu, grazie al cielo sono tutti in fila uno dietro l'altro - così anche se sei dislessico non fai fatica a seguirli e anche la tua linea del tempo viaggia in una sola direzione.
Oggi è l'ultimo giorno di scuola, prima media, un bel traguardo. Hai aspettato questo momento per nove mesi (guarda caso, le affinità della vita: un anno scolastico come una gravidanza, una promozione come un figlio, il 2023 come il 1991) e oggi eccoci qui.
È finito anche questo anno.
Cosa ti ha portato? Nuovi amici? Non proprio, non sei tipo da affezionarsi all'istante. E nove mesi per te, sono un istante - se vogliamo - un battito di ciglia, una cosa che accade e nemmeno te ne accorgi.
Ti ha portato coraggio, questo sì. Hai superato molti tuoi limiti, sei stato tra le righe, hai ascoltato, imparato, obbedito. A volte trasgredito, dimostrandomi che non è umano scrivere sempre rispettando i margini. Verranno altri anni di scuola media, verranno altri amici, verranno altri momenti di coraggio e sicuramente di ribellione. E di questo ti sono grata: perchè sei pronto, sei forte, sei tu.
L'ultimo giorno di terza media per me fu un disastro: tutti sorridevano, si abbracciavano, si promettevano di rivedersi in estate... ma io mi sentivo perduta. La sicurezza che avevo avuto in quei tre anni, dove sarebbe andata a finire in una nuova scuola piena di sconosciuti? La mia serenità nel trovarmi tutti i giorni in mezzo agli amici, sarebbe tornata? Avrei avuto altri amici? E come sarebbe andata? Mi avrebbero capita? Mi avrebbero voluto bene come era successo nei tre anni di medie o sarebbe stata la fine?
Tu, invece, oggi finisci la terza media e te la ridi. Sei sicuro di te, serafico e composto nella tua tranquillità. Hai tredici anni e mezzo, e hai la compostezza di un adulto.
Sei asperger come me, ma non hai paura del futuro. Sai benissimo dove vuoi andare e dove potrai arrivare: sei un ragazzino simpatico, sai farti amare, hai un mazzo di carte pronto per ogni occasione. Ti guardo negli occhi e scatta la magIa: sei il mio riflesso, ma in qualche modo migliore dell'originale, sei me - solo più giovane e con la schiena sana. Sei chi volevo che fossi e, cosa ben più importante, sei chi volevi essere: io alla tua età volevo scrivere e così ho fatto per trent'anni - evitando la cronaca perché la cronaca la scrivevano tutti, e tutto ciò che so su di me lo devo a te, guardandoti oggi, a un passo dal futuro.

Roberta Nina Bianchin - autrice
Sul web: www.robertaninabianchin.it

 


Continue in browser
Per installare tocca Aggiungi alla schermata Home
Aggiungi alla schermata Home
La Busa
Ottieni la nostra APP. Resta aggiornato sulle ultime notizie.
Installa
La Busa Vorremmo mostrarti le notifiche per restare aggiornato sulle ultime notizie.
Rifiuta
Consenti notifiche