Un anno senza “Bepi Paia”, ma restano i suoi spassosi aneddoti

Vittorio Colombo18/02/20246min
BEPI PAIA

Manca il “Bepi Paia”, come era conosciuto il grande (e grosso) Giuseppe Veronesi. Ci sono molti buoni motivi per ricordarlo. Mattina e sera interveniva su Facebook, anche a nome del suo cane Gino, per dare il buongiorno e la buonanotte. Simpatico, ironico, buono. È stato l’uomo che ha saputo dare un senso all’abbraccio tra gli ugualmente amati Rivani ed Arcensi. Di Riva, in particolare del Marocco dove aveva vissuto la sua giovinezza, e ad Arco dove, negli ultimi decenni, è stato di prima mattina l’impareggiabile autista della spazzatrice.
Due le ragioni per questo suo ricordo: è mancato a 64 anni lunedì 20 febbraio dello scorso anno, ed è quindi una triste ricorrenza quella che ci porta a scrivere questo articolo; inoltre, giusto dieci anni fa, nel 2014, affidava al social Facebook “Sei di Riva se…” un ironico testamento nel quale elencava le caratteristiche del Rivano autentico del Marocco. Lo proponiamo perché è spassoso, simpatico, ed è un omaggio ad un personaggio amato.
Scriveva, dunque, il Bepi giusto dieci anni fa:
Sei di Riva se…
Se i to vèci enveze che “El Nazionale” i ghe ciameva “La Gina”.
El Francone alla Caneva con la pizza al taglio che te sentivi el profumo fin en piaza.
Se te hai fat la patente con Ziller. Problema: dopo ogni guida andavi a casa un po’ su di giri a forza de bianchi al Nazionale. Filastrocca: “Qui se guida e no se scherza, qui se engrana anca la terza”. Tappa sempre el Restel de Fer e al Cinque Maggio con la 850. Se si sbagliava tirava pizzicotti sulle gambe alle ragazze, e ai maschi “scopeloni”. Prima guida, “Set bon de nar en machina? Sì? Parti alora!”.
Nàr a tor el formai e el bacalà dal Venturini en via Diaz.
El Gazini el gaveva el bar nella sede della Benacense en via Lipella prima del Piemonte. Mitico Gazza co la so Bianca.
Quando alle 4 del dopodisnàr la Lucia en via Fiume la soneva le trombe. Te ghe zighevi “El gha le moròidi” e te scampevi sempre al Beta che el pedaleva en pè. Te nevi a tor la calzina a seci dal Beta sulla Circonvallazion.
El Poldo che porteva el late soto casa, e so moglie la Polda. Questo prima, poi el Ringo che porteva el late fresco da en litro e anca da mez en quel sachet mol.
Se te sai che la squadra de pallavolo la se ciameva Taboga (tante bone gambe).
Te sei de Riva se te hai bevù el ginger spuma Pesarini.
Quando le done le néva a lavar alla fontana sul Marocco e le te mandava a tor 30 lire de acqua calda al panificio Bacchi (fratelli Zecchini).
T’hai vist almen ‘na volta i sguzi dei lumazi, co le fiamèle, nàr sul Maroco.
Se sol a sentir en certo nome da funeràl te te tochéve i cojoni.
Se te pasevi dal Canarino e dal Castellani per nàr su ala Circonvallaziom.
Se quando te nevi al Varòm te pareva de nar chissà dove.
Se te se nà, almen na volta, al Bastiòm cola seggiovia.
Se te sei nà alla Pineta sotto el Bastiòm a veder l’orso.
Ve ricordè le sorelle con polerìa in via Lipella? Le Clari; il Crestani era in via Canella.
Ve ricordè el mitico Clari che giusteva i orologi sul Maroco? E la Telve di fronte al Sembenini? E la pizeria Forst? Quando te nevi a tor la piza al taglio dal Chiozzini prima che daverzese la Susi. E la botega dela Noemi. E quante macelerie e panifici ghera.
Quando nàr a far el bagno alla Cà Rosa el te feva sentir grant.
Se te névi a veder i cavài al Centro Ippico dove ghe el Palacongressi.
Se almen na volta te se na dentro el bunker al Lido. E da tute le banchete de prea al Lido era pasà el Giulio “Bomboleta” con le so scritte.
Se te nevi al bar Africa, dopo le partie della Benacense, con soto el Roberto Betta.
Se almen ‘na volta te se nà alla Botega del Vino. L’era vizìm al Deon in via Santa Maria, l’era del Marcello Forelli.
Te sei de Riva se, almèn na volta, te sei cascà nel fontanòm del Maroco.

El Bepi Paia da Lasù el ve saluda (con Vittorio Colombo).



Continue in browser
Per installare tocca Aggiungi alla schermata Home
Aggiungi alla schermata Home
La Busa
Ottieni la nostra APP. Resta aggiornato sulle ultime notizie.
Installa
La Busa Vorremmo mostrarti le notifiche per restare aggiornato sulle ultime notizie.
Rifiuta
Consenti notifiche